Filosofia e spiritualitàIn primo piano

C’ è una risposta a questa domanda?

chi vincerà?

gesu-vs-satana,-battaglia,-bene-e-male-149086

Nel mondo olistico sembra essere un argomento di moda ,sempre più persone ne parlano e consigliano cosa bene  fare e cosa  male fare, per una buona salute o per una condotta morale etc….
“Che mai farebbe il tuo bene se non esistesse il male, e come apparirebbe la terra se vi scomparissero le ombre?”Michail Bulgakov, Il maestro e Margherita, 1966/67

Chi realmente crede che siano due  lati della stessa faccia ?chi crede che uno dipenda dall ‘altro ?chi crede che sono interdipendenti  e complementari  allo stesso tempo,come lo yin e lo yang? Chi crede realmente che un problema sia un occasione di crescita?possiamo raccontarcelo ,ma poi quando ne siamo dentro o difronte, come ci comportiamo?

yin-yakng

Quando abbiamo un albero attaccato alla faccia non riusciamo a vedere dall’ altra parte !
In realtà sono poche le persone che hanno fatto loro questo concetto, apparentemente facile.
Tuttavia incontro continuamente persone che predicano cosa fare e cosa non fare per stare bene ! per essere più puri o per fare del bene alle persone!
Come nel mondo della medicina convenzionale, oggi anche nel mondo della medicina alternativa c è questa dualità, questa divisione,che nasce da affermazioni come questa :(la medicina convenzionale cura con farmaci che sono nocivi alla salute)!
Ma cosa stiamo dicendo con una affermazione del genere ? o meglio cosa stiamo creando? é possibile che se abbiamo questa timore, ci allontaneremo dalla medicina ufficiale, ma non per scelta,per paura? E se fosse così, quale sarebbe il risultato? se avessimo bisogno  della medicina di urgenza o di un medicinale che crediamo essere dannoso ,quale sarebbe il risultato prendendolo ?é possibile che se assunto con questa credenza  diventi veleno ? solo per il fatto che lo crediamo e ne abbiamo paura ?effetto nocebo!
Questo fa bene e questo fa male ,statistiche fantascientifiche ,dati poco probabili ,tante cose che fanno male e a differenza tante cose che fanno bene! quale è la differenza? non ne vedo!
Se partiamo dal nostro corpo, è logico, quindi  biologico, che essendo una macchina si possa bloccare ,o si consumi o che necessiti di cure ,ma è  un’altra cosa dare forza a qualsiasi cosa di farci  del male o del  bene.

Ci viene insegnato sin da piccoli cosa è bene e cosa è male,ci viene insegnato, tramandato da persone,a cui a loro volta è stato tramandato e insegnato.
Se mio padre ha avuto un tumore, per fattori ereditari, verrà anche a me !(credenza fantascientifica) senza nessun tipo di congruenza scientifica!
Questa dualità ha origini molto  antiche veniva usata per manipolare  persone  (se non fai peccato andrai in paradiso “bene”, altrimenti all ‘inferno, ”male”. Se siamo a immagine e somiglianza di dio come è possibile che qualcosa  dentro di noi o fuori, ci posso far male? È certo, che una macchina  può essere ferita ,ma parliamo di danni meccanici o di veleno reale che possiamo ingerire .
Siamo macchine perfette, abbiamo un potere immenso ,ma non lo conosciamo, perché ci insegnano a non fidarci di noi ,ci insegnano che il nostro corpo da un momento al’ altro si può ribellare,può ammalarsi,viviamo con la credenza ,convinzione della mela marcia ,(se un pezzo di mela è marcio basta toglierlo per non far intattacare l altro pezzo),In questo modo viviamo nella paura che da un momento all ‘altro possa succederci qualcosa e che una parte di noi marcisca.
Come è possibile che il nostro corpo vada contro noi stessi?(malattie autoimmuni)e se invece fosse solo un inganno ?con la paura si possono muovere eserciti !questa semplice credenza potrebbe essere la causa sistemica della nascita in medicina della prevenzione , della prediagnosi? (se fai controlli e trovi prima i tuoi problemi forse ne puoi uscire).
Ma prima di fare controlli non avevo nessun sintomo ,stavo bene!dopo i controlli preventivi , fortunatamente mi hanno trovato qualcosa !(adesso sono tranquillo,ho dolore la mia vita è cambiata ,ma almeno sò il nome del mio male!

Che cosa è bene e che cosa è male? Questo non lo decidono gli uomini.
Osamu Tezuka, MW, 1976/78

La nostra macchina ”corpo” ha una capacità di auto guarigione  incredibile ,possiamo assimilare piccole dosi di veleno e diventarne immuni e allora come è possibile essere allergici ad un pomodoro, ad un frutto, ad un alimento a una crema alla polvere etc? dov’ è la nostra forza in tutta questa informazione?
Questo  si può spiegare bene in modo elementare :
Mi avvicino alla polvere per la prima volta ,ho 2 anni ,all’ improvviso starnutisco e mia madre che mi sta guardando associa la polvere allo starnuto (ecco è allergico alla polvere)facile no?poi mi porta dal dottore che mi fa delle prove allergiche e la mia pelle(essendo viva), di rimando, reagisce perché si sente aggredita e conferma la nostra paura e sospetto ,dicendoci  che siamo allergici ,strano no? un caso?

Dopo di che la madre allontanerà il bimbo dalla polvere, istallando una credenza, (la sua ) al bimbo che a sua volta, starà lontano dalla polvere per paura.  Così ogni qualvolta che si avvicinerà alla polvere ne avrà timore ,per lui sarà un pericolo da evitare e questo a livello biologico, sintomatico, scatenerà  in lui ,un possibile raffreddore.
(per le 5 leggi biologiche la mucosa nasale risponde a un sentito di pericolo di ansia per il futuro.Paradossalmente, un circolo vizioso .(il cane che si morde la coda)
Sapete veramente che cosa è positivo (bene)e che cosa è negativo (male)?
Vi sono molte persone  per le quali le limitazioni, i fallimenti ,le perdite, la malattia ,il dolore si sono rivelati i loro principali maestri .Tutto questo ha dato loro profondità ,umiltà, li ha fatti sentire persone più vere ,vive. Quando ci accade  qualcosa che noi crediamo o definiamo  negativo ,vi è una lezione profonda nascosta al suo interno ,anche se sul momento possiamo non vederla,poichè ne siamo travolti.
Se osserviamo da un punto di vista diverso,(con occhi diversi) le condizioni sono sempre positive,o meglio sono come sono,come devono essere.
Quindi,  la lezione più grande in questa vita che potremmo imparare ,è accettare ciò che c è in ogni momento ,poiché andare contro, non cambia la cosa, anzi  la peggiora.
Certo possiamo provare tristezza ,risentimento ,rabbia, ma possiamo lasciarla andare, senza  attaccarci, identificarci è un momento e come tutti i momenti passa ,cambia è importante dirselo..
Sembra che la maggior parte della gente, debba avere esperienze di molta sofferenze prima di abbandonare le resistenze e accettare , perdonare, mollare,inchinarsi,ma  non appena lo fa, avviene uno dei miracoli più grandi: il risveglio della consapevolezza, un barlume di  illuminazione .
Ciò che percepiamo come male dal nostro punta di vista limitato  e soggettivo  fa in realtà parte  del bene superiore che non ha contrario e che per ora non siamo in grado di vedere.
il potere di adesso Ekart Tollle
Dare forza di farci male  ad un qualsiasi  oggetto esteriore, agente atmosferico  ,alimento, medicina, abitudine ,vizio ,persona, la  toglie inevitabilmente a noi ,ci sentiamo più fragili ,senza forza e completamente nella delega, senza più risorse per poter uscire da soli dai nostri “problemi”.
Ecco che l invito è di prendersi la responsabilità delle proprie scelte, di non credere a  qualsiasi cosa ci venga detta, ma di verificare se c è una congruenza scientifica, di sperimentare qualsiasi cosa vi dicono essere giusta per voi  ,lo sarà per loro ,ma non per forza per voi !
imparare a conoscere e vedere  le proprie convinzioni  i propri schemi , di lavorare su di noi con ogni mezzo a nostra disposizione ,di non escludere ciò che non conosciamo a priori o non abbiamo mai visto, perché crediamo in anticipo essere negativo per noi, a volte le cose di cui abbiamo paura, le cose che allontaniamo ,sono quelle di cui abbiamo  più bisogno per fare un passo, per crescere, per acquisire consapevolezza .
Quando stiamo bene, stiamo bene, crediamo di non avere bisogno di lavorare ,ma dopo il bene arriva quello che crediamo essere il male è una ruota,  che non ha fine o meglio, si, ha fine, dal momento che impariamo a vedere la vita con occhi diversi.

“Certo che ti farò del male.
Certo che me ne farai.
Certo che ce ne faremo.
Ma questa è la condizione stessa dell’esistenza.
Farsi primavera significa accettare il rischio dell’inverno.
Farsi Presenza significa accettare il rischio dell’Assenza”.
(Antoine de Saint-Exupéry)rlo con altri occhi!

Adesso possiamo  far girare questa ruota in modo più consapevole lavorando sulle nostre credenze ,riconoscendo e osservando i pensieri che creano la nostra  realtà soggettiva ,lavorando sul mio corpo per sentirlo sempre di più, per ritornare  ad abitarlo ,lavorando sui nostri  sentimenti che fanno nascere  emozioni e da queste , reazioni che  insieme daranno vita al nostro stato d ‘animo che sarà la causa apparente e illusoria della mia sofferenza.
Bene e male sono una  parte della stessa faccia, se si  impara ad accettare il male per quello che è e non per quello che crediamo essere, permetto al bene di essere più presente.
Che ci piaccia o no il sole e la pioggia scaldano e bagnano tutti ,cattivi e buoni  e per andar oltre e rispettare il titolo dell’articolo, uno spunto di riflessione :potrebbe esistere il bene senza il male ?la luce senza il buio? COSA è BENE E COSA è MALE ? a chi spetta giudicare?
Uno permette all altro di esistere, senza uno non ci sarebbe l’altro, non ci sarebbe modo di cercare il bene se non ci fosse il male !quindi si può decidere di andare contro al nostro male essendo consapevoli  che non smetterà di piovere o andare verso la luce  essendo consapevoli che prima o poi  arriverà il buio .

il male è un elemento  essenziale, ai fini di una crescita interiore e spirituale ,senza di esso le persone non cercherebbero e  saprebbero cos è il bene! Abbiamo paura della nostra luce non del buio! cos è la fede per voi?non è forse fidarsi della vita, per quello che ci dona ,che sia male o bene.

Chi vincerà? il lupo del buio,della paura,della tristezza,della rabbia,della distruzione? o il lupo della luce,della gioia,del coraggio,della creazione?

Ciò a cui portiamo più attenzione e alimentiamo sarà più presente nella nostra vita !forse potrebbe essere questa una delle possibili  risposte e il nostro paradiso o inferno lo decidiamo secondo dopo secondo, ogni istante della nostra vita ,qui ora, in questo momento, per ogni singola scelta,pensiero e azione presa ..

Walter

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *